mercoledì 14 aprile 2010

Soul Kitchen

La musica è il cibo dell’anima



Sinossi

Zinos,tedesco di origine greca, è il proprietario di una bettola, il Soul Kitchen, nel quartiere di Wilhemsburg ad Amburgo. Un giorno, cercando di spostare un frigorifero, gli compare una fastidiosa ernia del disco che sembra innestare una serie di sfortunate coincidenze: l’ambiziosa fidanzata parte per la Cina da cui tornerà con un nuovo fidanzato, il fratello ladruncolo torna a casa in libertà vigilata , un ex compagno di scuola divenuto immobiliarista cerca in tutti i modi di fregargli il locale per rilevarne il terreno. Completano l’eccentrico quadretto la cameriera pseudo artista che vive in un appartamento occupato abusivamente, il costruttore di barche Socrates che rimanda sempre il pagamento dell’affitto e un abile cuoco di haute cuisine che trasforma il “Soul Kitchen” in un locale alla moda cucinando cibo raffinato per gente alla mano.

Cosa ne penso

A chi non è mai capitata una giornata di quelle in cui l’esasperazione per una vita, che sembra non andare mai come dovrebbe, gli ha fatto buttare gli occhi al cielo e urlare “BASTA. Non ce la faccio più. Adesso mollo tutto”. Beh, a me capita qualche volta e le alternative ricorrenti allo squallore quotidiano in questi momenti di sana lucidità sono: rilevare una vigna in Toscana e produrre dell’ottimo vino (nonostante io sia astemia), aprire un bed&breakfast in campagna, gestire un chiringuito sulla spiaggia di qualche esotica località distante migliaia di chilometri dal posto in cui sopravvivo, aprire un locale dove poter coniugare buon cibo, ottima musica ,interessanti letture e installazioni artistiche.

Confesso che quando sono uscita dal cinema, la prima cosa che ho detto è stata: “voglio aprire un locale come il Soul Kitchen”. Sapevo già prima di vederlo che questo film mi sarebbe piaciuto: musica,Grecia, Turchia, atmosfera multiculturale e cosmopolita, cibo, sesso… e poi, di Fatih Akin avevo già visto e molto apprezzato “La Sposa Turca” che consiglio a tutti, se ancora non l’avete fatto, di vedere.

Peccato che la scia di euforia del film sia durata poco…anzi, mi sono quasi incazzata nei giorni a seguire perché mi sono resa conto di quanto questo genere di film in verità sia subdolo;ti illudono per due ore che sia possibile veramente questo melting pot culturale, che se fai fatica e stringi i denti puoi fare quello che vuoi, che alla fine tutto si aggiusta. Sarà la disillusione dovuta all’avvicinarsi dei trent’anni...

13 commenti:

Lucien ha detto...

Due ore spassose e di sano divertimento! Ho già il dvd per rivedermelo.

silvano ha detto...

Trent'anni? Beata te.
Ho visto anch'io il film, sarà che son più vecchio di te, ma l'ho trovato di raro divertimento e molto realistico e realizzabile. Una bella boccata di aria fresca e di voglia di vivere raccontata tramite l'eterno intrigo di lui, lei, lui, l'altra, ancora lui e poi l'altra e poi gli altri e lo spezzaschiene turco e l'ispettrice delle tasse ;)
Il Soul Kitchen è possibile nella nostra anima e nella nostra sfera privata di libertà (è che non sempre riesce, ma soul kitchen è una di quelle serate che ti ricorderai per la vita in giro per locali, S.K è la tua vigna in toscana...).

Soul Kitchen è un cuoco spagnolo geniale e mezzo pazzo, è essere contro gli imbecilli che vogliono il gazpacho bollente 'sti cretini.

Are You Soul Kitchen? Aren't You?

Stefania248 ha detto...

E chi non ci ha pensato almeno una volta?
Voglio vederlo anche questo film!
:-)

Grace (ma nana) ha detto...

BASTAAAAAAAAA!...oggi son tornata a lavorare...e ha ragione Pavese:" Lavorare STANCA!
Pomeriggio mi divano con la Stefy a guardare Soul Kitchen, valà!!!

Ernest ha detto...

Parecchie volte lo faccio anche senza guardare il cielo!!!! Bastaaaa
un saluto

Maurizio Pratelli ha detto...

che almeno quella non ingrassa...

Zio Scriba ha detto...

Evviva il Soul Kitchen, allora.
Ma chi è questa che non ha ancora trent’anni?
Hai un alter ego più giovane come il mio 25enne Zio Scriba?

Nicola Pezzoli (l’alter ego 43enne) :D

Euterpe ha detto...

@ zio scriba
no zio è che siamo in 2 a scrivere sul blog una giovane donna ed un vecchio uomo ( io ).Questo post l'ha scritto la giovane fanciulla,non ho una doppia personalità.

Harmonica ha detto...

occhio, chè lavorare nelle vigne stanca... e di agriturismo in Toscana ce ne sono già troppi.

giardigno65 ha detto...

mi è piaciuto tantissimo !

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

devo ancora vederlo
rimedierò presto, ma riguardo a una società davvero cosmopolita non mi faccio illusioni. non in italia, almeno

sfrenzychannel ha detto...

Anch'io devo ancora vederlo. Provvedo al più presto.

Un saluto.

LeNny.

:)

yashal ha detto...

Bellissimo blog, sei interssato ad uno scambio di link?
fammi sapere su:
http://mondobiancoceleste.blogspot.com