lunedì 12 aprile 2010

Mi ricordo che 30 anni fa...



Mi ricordo che esattamente 30 anni fa avevo da poco comprato l'album di Edoardo Bennato Uffà Uffà e ricordo anche che le mie aspettative di grande fan di Burattino senza fili erano state in parte disattese. Il disco era carino ma non lo trovavo al livello del precedente. Nonostante ciò leggendo Sorrisi e Canzoni scopro che nella puntata di quella settimana del programma di Rai 2 Odeon ( tutto quanto fa spettacolo ) è previsto uno special su Edoardo. Ovviamente mi faccio trovare puntuale all'appuntamento ma sorpresa delle sorprese mi rendo conto immediatamente che l'album di cui si sta parlando non è quello che avevo appena acquistato ma un altro uscito solo a un mese di distanza. La scintilla della passione sfrenata scocca instantanea all'ascolto dell'Isola che non c'è e di Sono solo canzonette e il pomeriggio seguente sono già in negozio ad acquistarlo e mi tuffo subito in un ascolto continuo e compulsivo che porterà quel disco a diventare il mio disco italiano della vita. I grandi amori della prima adolescenza hanno 2 grandi vantaggi sugli altri : sono i primi e quindi incidono di più perchè lavorano su un terreno pressochè vergine e non temono confronti con i predecessori che non hanno. A distanza di tantissimo tempo ho capito che Bennato non era certo un pioniere del cantautorato ma quei brani non mi hanno ancora annoiato e se mi capita di riascoltarli è sempre con immenso piacere misto ad una discreta dose di nostalgia. L'unico dubbio che non ho ancora sciolto è a quale personaggio della favola assomiglio di più, mi piacerebbe pensare di essere Peter Pan ma non vorrei invece finire come Spugna....pendaglio da forca!

15 commenti:

Maurizio Pratelli ha detto...

uno dei miei preferiti di sempre.

Zio Scriba ha detto...

Grande Edoardo. Lo ricordo anche per uno dei titoli più intelligenti che si possano dare a un album, ABBI DUBBI (conteneva Viva la mamma, forse un po' pacchiana, ma per chi come me la mamma l'ha persa un po' troppo presto le lacrimucce sono inevitabili) e per Ok Italia, con quella bella frase, "Sei un grande sogno da attraversare" che divenne la colonna sonora delle mie vacanze con gli amici in Sicilia.
Per quanto riguarda i personaggi, nessun dubbio: Peter Pan c'est moi... :D

Max ha detto...

Indimenticabile il Bennato di quel periodo...mi trovo spesso a soffiare indegnamente nella mia armonica nel tentativo di imitare quelle meravigliose melodie.
"Burattino senza fili" e "Sono solo canzonette" sono autentici capolavori !

Grace (ma nana) ha detto...

La Val Gina è un po' un' ISOLA CHE NON C'E'...e io nella mia fiaba non posso che essere Trilli..la fatina MINUTA!
Molte canzoni di Bennato sono indimenticabili e sempre attuali..
Ma sai..stranamente quale canzone italiana "gira" spessissimo da qualche giorno nel mio Mp3? Eppure il vento soffia ancora di Pierangelo Bertoli...
E la canto, eh...uhhh se me la canto!
:-)

Stefania248 ha detto...

Bennato non mi ha mai esaltato, ma lo ascolto ancora volentieri. Ricordi? Anche io avevo fatto un post sull'Isola...

Lucien ha detto...

Io amo il primo Bennato: quello di "Affacciati affacciati" e Signor Censore", "Che bella città", "Salviamo il salvabile".

Resto In Ascolto ha detto...

l'unica pecca di bennato, non essere riuscito a fare un assolo di armonica diverso dagli altri. per il resto ha accompagnato tanti anni anche della mia adolescenza (un giorno credi il mio inno) e dato il la alla scintilla del rock per mio figlio: ha visto il cartone, gli ho fatto ascoltare l'isola che non c'è, et voilà il gioco è fatto. basta poco che ce vò!

Ernest ha detto...

davvero davvero un grande, un artista vero eclettico e che scrive canzoni con parole che vanno dritte al punto passando per favole e immagini incredibili
un saluto

Harmonica ha detto...

si può dire che è stato l'ultimo Bennato che ho amato, i dischi successivi non mi hanno emozionato come i precedenti. è stato anche l'incubo di mio figlio quando aveva 6 anni; aveva paura di ascoltare "Mangiafuoco".

Euterpe ha detto...

Non preoccuparti, ti rassicuro io...sei Peter Pan!
-l'altra metà dell'orecchio-

allelimo ha detto...

Ciao! Sono il nuovo allelimo, basta polemiche :)
Bravissimo Bennato, ho già messo in download tutti i suoi dischi, bellissimo post, vi amo tutti :)

Stefania248 ha detto...

@ Allelimo: non ci crede nessuno!

DiamondDog ha detto...

Come Harmonica, anch'io mi sono fermato qua. Anzi, a Uffa Uffa che se non sbaglio è uscito pochi giorni dopo.
Edoardo è stato uno dei pochi cantautori in grado di arricchire testi pieni di contenuti con musiche di grande livello.
E il fatto che abbia sempre pescato a piene mani dalla tradizione americana (dal rockandroll a dylan) non ne diminuisce l'impatto.
Ci ha regalato emozioni (una settimana un giorno, la fata, non farti cadere le braccia), riflessioni sarcastiche (affacciati affacciati, in fila per tre, quando sarai grande), voglia di ballare e di imbracciare l'acustica con gli amici.
Poi a un certo punto si è incartapecorito su sè stesso. Succede, quando si è dato troppo prima.

silvano ha detto...

Il mio ultimo album di Bennato. Impensabile allora che sarebbe stato il suo ultimo disco di successo. Se Allelimo vuole gli regalo una copia in vinile (non so perchè ma ne ho due).
ciao, silvano.

allelimo ha detto...

Corbezzoli e pofferbacco, silvano, che fortuna sarebbe :)
D'altronde il vinile è meglio di qualsiasi altro supporto fonografico, lo sappiamo entrambi - ho appena buttato via tutti i miei cd e ho intenzione di ricomprarmi tutti i dischi in vinile, naturalmente con tanto ammòre.
Ma se qualcuno preferisce, posso anche dire che il cd è meglio del vinile, o che gli mp3 sono meglio dei cilindri di cera etc., l'importante è l'ammòre :)